Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Crescentine

Contatto Biblioteca comunale
Indirizzo 41055 Montese MO
Telefono 059/971122
Fax 059/971100
E-mail biblioteca@comune.montese.mo.it
Internet www.appenninomodenese.net


Scheda aggiornata il 10/07/2015 (60003879)


A cura della Redazione locale di MONTESE (MO)Via Panoramica 25 41055 Montese MO
Tel. 059/971122 - Fax: 059/971100 - Email: biblioteca@comune.montese.mo.it

Il nome deriva dalla capacità che hanno di crescere durante la cottura, anche senza l'aggiunta di lievito, perché le bollicine d'aria incorporate durante la lavorazione si gonfiano con la cottura. Oggi si cuociono negli stampi di metallo o nelle piastre refrattarie elettriche, ma un tempo si utilizzavano le tigelle, dischi di terracotta arroventati tra le braci del camino (dal latino tegere, cioè coprire).

LA RICETTA: per circa 24-30 crescentine, occorrono 1 kg di farina di frumento "0", la metà del peso della farina di acqua tiepida (o metà latte e metà acqua, o latticello), un cucchiaino di sale, poco olio o strutto (facoltativo), un cubetto di lievito di birra sciolto in poca acqua (oggi è diventato indispensabile, ma un tempo non si usava: per chi volesse provare a non utilizzarlo si raccomanda di impastare manipolando molto a lungo, in modo da incorporare più aria possibile).

Impastare a lungo e con cura gli ingredienti, lasciar lievitare circa tre ore in luogo tiepido, coprendo la pasta con una grande terrina riscaldata (durante questo tempo sarebbe meglio interrompere una o due volte la levitazione manipolando con energia l’impasto), finché sarà ben lievitata; ricavare circa 24-30 palline, stenderle con il mattarello allo spessore di circa 2 cm e lasciarle riposare coperte per 15-20 minuti. Cuocere le crescentine negli stampi di metallo riscaldati sulla fiamma girandoli spesso, o tra le piastre refrattarie.

Le crescentine sono ottime caldissime, con le carni in umido (pollo o coniglio alla cacciatora), con i salumi e i formaggi, o con il tradizionale pesto di pancetta, aglio e rosmarino ed una spolverata di Parmigiano Reggiano.*

 

 

*contributo di Federica B.