Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Tutte le strade portano a Pavullo - L'Oasi di Sassoguidano

Contatto MTB Appennino
Indirizzo Via Giardini, 7 41026 Pavullo nel Frignano MO
Telefono 0536/325586 - 335/5829285
Fax 0536/328031
E-mail info@mtbappennino.it , bikepark@vallidelcimone.it , info@vallidelcimone.it
Internet www.mtbappennino.it/index.php/all-mountain/109-pavullo-nel-frignano/177-oasi-di-sassoguidano-a


Scheda aggiornata il 09/03/2016 (100000785)


A cura della Redazione Locale di PAVULLO nel FRIGNANO
presso Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Via Giardini, 3 - 41026 - Pavullo nel Frignano (MO)
Telefono: 053629964 - Fax: 053629025
Email: uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

Itinerario 6
Località di partenza: Campiano, lungo la SP27 (776 m)
Grado di difficoltà: MEDIA
Lunghezza: 14,6 km
Dislivello: +705 m -705 m
Ciclabilità: totale
Quote: min 494 max 782
Pendenze massime: salita 34,5% - discesa -31,9%

Prendendo a riferimento la Bottega di Campiano, dove si consiglia di fare rifornimento di acqua e provviste se necessario, l'inizio del percorso è posto proseguendo lungo la SP27 in direzione Verica, 300 metri sulla destra. Proseguendo per circa 600 metri, raggiunto un piccolo agglomerato di abitazioni, si svolta a sinistra in salita su fondo asfaltato, fino a raggiungere il punto più elevato del percorso in prossimità di Ca Monte Veronese. Da qui si prosegue in discesa per circa 200 metri fino al limite dell'asfalto per poi scendere a sinistra su strada sterrata. La discesa prosegue alternando tratti di cementata e sterrati fino a raggiungere una vecchia casa (Ca Bonfarino), superata la quale, su tratto in falsopiano si arriva a incrociare nuovamente l'asfalto. Qui si gira a sinistra e sempre in discesa si raggiunge la strada principale all'incrocio di Fontanamora. Da qui si svolta a sinistra e si percorre l'asfalto per circa 500 metri fino ad incontrare, sul ciglio destro della strada, una fontana al quale è possibile rifornirsi. Si arriva quindi ad un incrocio a 4 vie in località Ca Nova, dove si gira a destra su cementata entrando nella Riserva Orientata di Sassoguidano. La strada sterrata conduce in lunga ma lieve salita fino al Centro Servizi della Riserva, e da qui con un breve strappo alla Chiesa di Sassoguidano, dove vale la pena fare una sosta all'ombra dei quercioli per godere dell'ampio panorama della valle del Panaro. Da qui, a sinistra, si scende rapidamente su single track (seguire le indicazioni cerchiate sugli alberi fino alla fine della discesa), sino ad incrociare una strada ghiaiata (dove si interseca il tracciato 6 b) da percorrere a destra per pochi metri fino al borgo a corte di la Torre. Da qui si svolta nuovamente a destra continuando all'interno del bosco, dove la traccia prosegue in falsopiano su single track fino a riprendere la discesa, ripida e veloce ma pulita, fino a raggiungere la strada principale ghiaiata che a destra riporta in direzione Niviano. Qui comincia la salita che, a più riprese, supera prima la cava e la borgata di Niviano, anticamente conosciuta come Gallinamorta, quindi, ripreso l'asfalto, raggiunge la Chiesa di Niviano e quindi, in corrispondenza della curva successiva, prende a destra su sterrato all'interno del bosco sino alla località il Ferzone. E' un falsopiano sterrato che supera un guado e quindi riprende a salire, svoltando a sinistra sempre su sterrato, fino a condurre alla località di Beneverchio. Si attraversa la strada e si prosegue su un lastricato in discesa sino a trovare la cementata in località Casone, dove si svolta seccamente a destra risalendo e incrociando la strada asfaltata nei pressi dell'incrocio di Lavacchio (prevedere eventualmente la salita al borgo per ammirare i murales dipinti sulle case). Dall'incrocio, tenendo a sinistra la strada principale che scende a Pavullo e a destra il ripido nastro d'asfalto che si incunea in salita verso il borgo, si prosegue sulla nuova strada per Lavacchio e si svolta subito a sinistra su sterrato (la carrata in prossimità degli alberi sul ciglio della strada). Dopo un'immediata svolta a destra in corrispondenza di un'abitazione si prosegue diritti passando le borgate di La Borretta e di Quercia, nella favorevole posizione di balcone panoramico. Da qui si segue la strada asfaltata fino al punto di partenza.