Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

TRASFERIMENTO PAVULLO � SANT'ANTONIO

Scheda aggiornata il 03/03/2016 (100007281)


A cura della Redazione Locale di PAVULLO nel FRIGNANO
presso Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Via Giardini, 3 - 41026 - Pavullo nel Frignano (MO)
Telefono: 053629964 - Fax: 053629025
Email: uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

Località di partenza: Pavullo nel Frignano c/o Palazzo Ducale (693 m)
Località di arrivo: Sant'Antonio Via Boccaccio ang. Via Giardini (704 m)
Grado di difficoltà: Media
Lunghezza: 4,9 km
Dislivello: salita 175m – discesa -164 m
Ciclabilità: totale
Quote: min 693 – max 841
Pendenze massime: salita 25,1% - discesa -27,5%

Per chi avesse la gamba per intraprendere il tracciato La Vallata di Coscogno già da Pavullo (per una lunghezza totale di circa 31 km e oltre 1.000 m di dislivello in salita), questo trasferimento rappresenta una valida alternativa alla SS12 ed al suo traffico intenso. Il percorso, eccetto un brevissimo tratto, si svolge infatti per la maggior parte su sentieri, strade sterrate o su viabilità minore. Da tenere presente che, a differenza della maggior parte dei percorsi ad anello presentati, per questo è necessario considerare il doppio della lunghezza presentata per tornare indietro al punto di partenza.
La partenza è situata presso il giardino antistante il Palazzo Ducale, a cui bisogna girare attorno fino  al lato che da sulla pineta (bella la vista del “Pinone”, un cedro del Libano di enormi dimensioni che sorge al limitare di una radura proprio sul retro del Palazzo Ducale) e da qui prendere la salita a sinistra, che dapprima segue i vialetti del parco e poi il sentiero 516 del CAI. Una volta attraversata la pineta si intercetta Via Monte Belvedere là dove sorge la fontana di Sassone (possibile rifornimento acqua). Da qui si sale a destra su asfalto fino a raggiungere Cà de Scarino (antiche scuderie ducali), da dove si prenderà il sentiero che costeggia l'edificio sulla sinistra e che continua a salire leggermente sempre percorrendo il sentiero 516 del CAI. Al bivio tra i sentieri nel bosco si mantiene la sinistra, lasciando definitivamente il sentiero CAI ed iniziando un falsopiano che conduce in breve tempo a Cà Bela Rosa, e da qui in discesa fino all'incrocio con la strada che da Campiano porta  a Crocette. Si prende la strada a sinistra e in breve si raggiunge la frazione di Crocette (possibilità rifornimento acqua alla fontana). Da qui si svolta a sinistra sulla carreggiata asfaltata e dopo poco subito a destra per intraprendere un lungo rettilineo che in circa 1 km di leggere discesa, e dopo aver superato un incrocio mantenendo la sinistra, porta a il Ronco. Da qui si scende in maniera più decisa fino ad intercettare la SS12 al principio della località Sant'Antonio, e dopo circa 300 m si gira a destra su Via Boccaccio, che si percorre tutta fino al parcheggio che sorge in angolo nuovamente con la SS12. Da qui inizia il percorso La Vallata di Coscogno.