Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Varana

Contatto Comune di Serramazzoni
Indirizzo piazza T.Tasso,7 41028 Serramazzoni MO
Telefono 0536/952199 int.230
Fax 0536/954665
E-mail turismosport@comune.serramazzoni.mo.it
Internet www.comune.serramazzoni.it


Scheda aggiornata il 30/04/2015 (130000554)


A cura della Redazione Locale di SERRAMAZZONI
Piazza T.Tasso n. 7 - 41028 Serramazzoni (MO)
Tel. 0536 952202 oppure 0536 952199 int 230 - Fax 0536/954665
Email: turismosport@comune.serramazzoni.mo.it

Frazione di Serramazzoni

Varana, ora detta Varana Sassi, deve il suo nome al Romano Varus, proprietario di quel luogo, mentre Campodolio ha un’origine più recente e prende il nome da una graminacea, il “loglio” che si coltiva come foraggiera. Le due località, poste a poche centinaia di metri l’una dall’altra, distano 10 Km dal Capoluogo e 15 da Sassuolo. Due sono le antiche chiese: quella di Varana Sassi, del XIV Secolo, dedicata ai Santi Pietro e Paolo e quella di Campodolio, costruita fra il 1861 e il 1880, dedicata alla Madonna delle Grazie. Il luogo più antico della frazione è Varana Sassi. I Sassi, come quello di Pompeano, sono Ofioliti Serpentine di origine vulcanica sottomarina. Sul sasso più grande un tempo sorgeva una fortificazione con una torre imponente, oggi utilizzata dagli amanti dell’arrampicata. Per salire sul Sasso in modo meno pericoloso rispetto alla scalata si percorre un sentiero scavato nella roccia che porta a un verde pianoro con una splendida visuale.. Nel borgo di Varana Sassi, ad opera del Gruppo Naturalistico “L’Ofiolite di Varana”, è stato recentemente creato un orto botanico in cui è possibile vedere le più importanti erbe e piante velenose ed officinali di questa parte dell’appennino modenese.