Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

San Dalmazio

Contatto Comune di Serramazzoni
Indirizzo Piazza T.Tasso,7 41028 Serramazzoni MO
Telefono 0536/952199 int. 230
Fax 0536/954665
E-mail turismosport@comune.serramazzoni.mo.it
Internet www.comune.serramazzoni.it


Scheda aggiornata il 08/05/2015 (130000551)


A cura della Redazione Locale di SERRAMAZZONI
Piazza T.Tasso n. 7 - 41028 Serramazzoni (MO)
Tel. 0536 952202 oppure 0536 952199 int 230 - Fax 0536/954665
Email: turismosport@comune.serramazzoni.mo.it

frazione di Serramazzoni

Le prime testimonianze su San Dalmazio, che fece sempre parte della Podesteria di Monfestino,  risalgono a un testamento del 1010 e poi alle prime notizie relative alla sua chiesa datate 1065. La chiesa, dedicata a S. Dalmazio Vescovo e martire, ha subito nel tempo importanti modifiche e ristrutturazioni  fino agli anni ’80 dello scorso secolo. Il campanile, eretto nel 1718, sorge a poca distanza dall’edificio e presenta un’alta cuspide ottagonale. La presenza di un castello sarebbe confermata da un documento del 1386, ma oggi non rimangono di questa antica fortificazione che poche tracce. Lungo lo strabello che porta all’antico borgo del castello è posto un tempietto dedicato alla Madonna e fatto costruire nel 1683 dal Capitano Lodovico Gentilini. Nel centro del paese, poi, la casa torre Gentilini ha scolpita su di un sasso, a testimonianza della sua  vetustà, la data 1474. Sotto il voltone della casa passava la Via Vandelli (1739-1741) che collegava Modena a Massa Carrara. Nella piazza un piccolo monumento ricorda i caduti di tutte le guerre e gli emigranti di S. Dalmazio morti nel 1913 nella miniera di Dawson nell’Illinois (U.S.A.).