Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Il castello: i musei e il parco

Contatto IAT del Cimone
Indirizzo Corso Umberto I, 3 41029 Sestola Modena
Telefono 0536/62324
Fax 0536/61621
E-mail infosestola@msw.it

Accessibilità a piedi dal centro di Sestola
Biglietto � 3
Riduzioni � 2
Gruppi � 60 visita guidata
Gratuità i bambini sotto gli 11 anni

Orario festivo 10/12 14/17 inverno 10/12,30 15/18 orario estivo
Periodo d'apertura tutti i festivi luglio e agosto tutti i giorni
Scheda aggiornata il 06/03/2017 (-3284)


A cura della Redazione locale di Sestola c/o IAT del Cimone C.so Umberto I n� 3 - 41029 Sestola (MO)
Tel. 0536/62324 - Fax: 0536/61621 Email: turismo@comune.sestola.mo.it

Da Corso Libertà imbocchiamo via Fratta e, tenedo sempre la destra, saliamo per via della Rocca fino all'ingresso ricavato nelle mura cinquecentesche (Porta del Soccorso). Entrati ci dirigiamo, sempre tenendo la destra, fino alla Rocca, la parte storica del Castello, oggi sede di raccolte e musei. Vale la pena una visita all'interno anche per salire alla torre merlata panoramica da cui si può ammirare, oltre all'abitato, buona parte del territorio dell'Alto Frignano. Ritornati al centro del Borgo, sulla destra si apre il Portone principale di accesso al paese e alcuni edifici utilizzati per un secolo come colonia permanente; di fronte l'antica chiesa parrocchiale di Sestola poi ridotta ad oratorio; sulla sinistra la vecchia osteria (ora sala multimediale per convegni e congressi) e la Palazzina del Comandante della Fortezza (ora sede di mostre d'arte). Oltrepassiamo l'oratorio e usciamo, a destra, da Porta Bologna da dove inizia il percorso alla base delle mura cinquecentesche, che costeggiamo a sinistra. Incontriamo: una guardiola di vedetta, un'area attrezzata, antico "campo giochi", l'aquila estense all'apice dello spigolo murario e il vecchio fossato perimetrale ora attrezzato come "Percorso Vita". Giunti sulla strada carrozzabile scendiamo a destra e ci immettiamo sul sentiero, sempre a destra, ricavato sulle mura medievali che ci porta fino alla nuova area verde attrezzata denominata La Covetta. Ritorniamo verso Porta Bologna, che lasciamo a destra, e ci inoltriamo costeggiando le vecchie mura fino al Portone principale d'ingresso. Una ripida e non agevole strada (via Governatori del Frignano) ci riporta nel centro del paese.

Cliccate qui per visualizzare il depliant