Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Fiumi - Cascate - Bagni di Brandola

Contatto Comune di Polinago
Indirizzo Corso Roma n. 71 41040 POLINAGO MO
Telefono 0536/ 47000
Fax 0536/ 47672
E-mail affarigenerali.servizisociali@comune.polinago.mo.it
Internet www.comune.polinago.mo.it

Accessibilità piedi
Gratuità Gratuito

Scheda aggiornata il 04/06/2015 (2336)


A cura della Redazione locale Comunità Montana del FRIGNANO
Email: redazionefrignano@msw.it

CASCATA DEL FOSSO RONCOVECCHIO - TORRENTE ROSSENNA - TORRENTE CERVARO - TORRENTE TORELLA

BAGNI DI BRANDOLA: Dei Bagni di Brandola Don Pasquale Fiorenzi scrive che il toponimo derivante dalla parola latina  balneum o bagno, lascia supporre un insediamento romano testimoniato  da resti di antichissime costruzioni, dal ritrovamento di monete consolari ed imperiali, da monili e da altri oggetti preziosi e, forse, stabilimenti termali, anche se il primo studio sulle acque di Brandola risale al 1448. La loro scoperta si deve al caso. Nel libro di Gabriele Falloppia "De medicatis aquis" si racconta che infieriva nella zona un'epidemia che mieteva numerosissime vittime fra i bovini quando si constatò che gli animali che bevevano acqua da questa sorgente guarivano. Ben presto  si cominciò ad usare l'acqua anche per curare malattie dell'uomo. L'acqua fu analizzata dal famoso medico Michele Savonarola che ne parlò nel suo trattato "De Balneis et Termis". Successivamente anche Bortolomeo Accursini la usò per curare i suoi pazienti. Oggi rimane accessibile una fonte, recentemente costruita dalla quale zampilla la famosa acqua curativa.