Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Pinone

Contatto Ufficio informazione turistica del Comune di Pavullo
Indirizzo Via Giardini, 3 41026 Pavullo nel Frignano MO
Telefono 053629964
E-mail uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it
Internet www.comune.pavullo-nel-frignano.mo.it/eventi_turismo/nuova_sezione_17/pinone.aspx#.Vsrr8PnhDIU

Accessibilità a piedi e in auto

Periodo d'apertura Visibile sempre
Scheda aggiornata il 27/04/2016 (3447)


A cura della Redazione Locale di PAVULLO nel FRIGNANO
presso Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Via Giardini, 3 - 41026 - Pavullo nel Frignano (MO)
Telefono: 053629964 - Fax: 053629025
Email: uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

Il maestoso esemplare di Cedro del Libano, chiamato dai pavullesi "Pinone" è situato nel Parco Ducale e ne è il simbolo. Messo a dimora dal giardiniere tedesco Carlo Huller che disegnò e realizzò il parco per il Duca Francesco IV, presenta una circonferenza di circa m. 5.50 ed un altezza di m. 38. La specie, originaria del medio oriente, venne introdotta in Europa nel 1683. In Italia i primi esemplari furono piantati nel 1787 nell'Orto Botanico di Pisa. Oggi è molto diffuso nei giardini per il suo bellissimo portamento e per il tronco potente, ramificato fin da basso. Il suo legno è forte ed estremamente durevole. Gli antichi egizi distillavano dal legno un olio particolare che usavano per l'imbalsamazione dei defunti. In epoca biblica, per la sua solidità e durevolezza, il legno del cedro era spesso usato per la costruzione di templi e palazzi. Si ricorda che durante l'ultima guerra, il Pinone ha corso il rischio di essere abbattuto dai soldati tedeschi per ricavarne legna da ardere; tale intenzione fu scongiurata dall'intervento dell'allora podestà Ghibellini. La collocazione di questo esemplare al limite del superiore del prato del Parco Ducale, favorisce la percezione a distanza di tutta la sua mole: Citato tra i cento monumenti vegetali più importanti d'Italia.

Foto di Stefano Torreggiani