Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Aree di interesse ambientale

Contatto IAT del Cimone - punto informativo di Lama Mocogno
Indirizzo Via XXIV Maggio 4 41023 Lama Mocogno MO
Telefono 0536 44003
Fax 0536 44890
E-mail tecnico@comune.lamamocogno.mo.it
Internet www.comune.lamamocogno.mo.it


Aperto tutto l'anno

Scheda aggiornata il 14/05/2015 (120003139)


A cura della Redazione Locale Lama Mocogno Via XXIV Maggio 4 - 41023 Lama Mocogno
Tel. 0536 344390, 0536 343568 - Fax 0536 343570 Email: turismo@comune.lamamocogno.mo.it

Delimitazione di Aree di particolare pregio ambientale:

Area del Ponte del Diavolo 

Area del Monte Cantiere

Appositi divieti sono segnalati da una particolare cartellonistica, installata di recente su iniziativa dei comuni di Lama Mocogno, Palagano, Pievepelago, Pavullo, Polinago e Riolunato con la collaborazione della Comunità montana del Frignano e della Provincia di Modena nelle Aree di Pregio ambintale del Ponte del Diavolo e del Monte Cantiere. Insieme alla nuova segnaletica saranno intensificati i controlli della Polizia provinciale,  Polizie municipali, Corpo Forestale dello Stato e Guardie ecologiche volontarie. Previste sanzioni fino a 500 euro.

In queste zone alcuni percorsi pur non essendo transitabili sono utilizzati regolarmente da fuoristrada e moto che oltre a mettere a rischio la sicurezza degli escursionisti, contrastano con il loro legittimo diritto di godere in tutta tranquillità di un'ambiente naturale unico. Il fenomeno, inoltre, si è aggravato negli ultimi anni con la diffusione di moto a quattro ruote, i cosiddetti "quad"».

L'iniziativa segue la dichiarazione di "aree di particolare pregio ambientale" decisa dai Comuni stessi in sintonia con quanto stabilito dalla Provincia nel nuovo Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp). Il Monte Cantiere, inoltre, nella parte posta a monte della Via Vandelli e della frazione delle Piane di Mocogno, è stato inserito nell'elenco dei siti di interesse comunitario ed è stato dichiarato zona di protezione speciale.

La installazione dei cartelli sarà completata entro la fine dell'anno.

Il Pontercole, detto anche "ponte del Diavolo", è un grande monolite di roccia a forma di arco, lungo 33 metri, immerso nel bosco al centro di un'area dove sono stati rinvenuti reperti archeologici dell'età del bronzo.

Il monte Cantiere domina la Via Vandelli costruita nel '700 dagli Estensi per collegare Modena a Massa e garantire al ducato uno sbocco sul Tirreno. Progettata dal geografo e  matematico Domenico Randelli, è oggi meta abituale di escursionisti soprattutto lungo il tratto da Barigazzo a  passo Cento croci fino a S.Pellegrino in Alpe.