Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

La Rocca Medievale

Indirizzo 41045 Montefiorino MO


Scheda aggiornata il 12/07/2015 (1090)


A cura della Redazione locale Unione di Comuni Valli Dolo Dragone e Secchia
Via Rocca, 1 - 41045 Montefiorino (MO)
Telefono: 0536/962727 Fax: 0536/965312 Email: infoturismo@unionecomuniovest.mo.it

Montefiorino : toponimo di probabile derivazione romana dal nome di divinità "Flora". Dipendente dalla corte di Vitriola, fu munito intorno al 1170 di una solida torre, probabilmente il primo edificio del successivo nucleo abitato, detto tuttora "Torre della Rocca", a difesa delle Terre della Badia, da Bernardo Montecuccoli e dall'abate del monastero di Frassinoro Guglielmo. Tra il 1235 e il 1238 venne costruito il castello di Montefiorino e nel 1239 le mura di cinta. Nel corso delle guerre con il Comune di Modena del sec.XIII, Montefiorino fu occupata nel 1240 dalle truppe modenesi, ritornado tuttavia in mano all'abate di Frassinoro, che vi apportò ulteriori fortificazioni (torre del Cassero, torre di S.Michele). Venne tuttavia ripresa e incendiata dalle truppe comunali nel 1247. Nel 1278 l'abate di Frassinoro Tommaso de'Tonsi, ripristinò al culto l'antica cappella di S.Michele Arcangelo e riadattò la torre della rocca ad abitazione dei due monaci che vi officiavano il culto. Intono al 1280 iniza la costruzione del borgo collocato a sud del castello. Nel periodo che va dal 1313 al 1317 Montefiorino venne occupato da Guidinello da Montecuccoli, che insediatosi vi fece costruire e fortificare il castello e una torre più a sud, detta del Poggio, ora torre del Mercato. I Montecuccoli rimasero i signori incontrastati di Montefiorino fino al 1426, quando a furor di popolo vennero cacciati per passare sotto le dipendenze della casa d'Este sotto cui rimase fino al 1796. L'attuale castello si presenta come il prodotto di numerose trasformazioni che durante i secoli ne hanno modificato la configurazione e l'aspetto. Alla base della torre della rocca, risalente al XII secolo, è visibile il portale a tutto sesto architravato e la contemporanea finestrella. Del XIII secolo è un portale a tutto sesto con stemmi nella chiave d'arco particolarmente degradati e quindi ormai illegibili. All''interno della Rocca è stato allestito Il Museo della Resistenza. Aperto nel 1979, rinnovato nel 1994, ed ampliato nel 1996 offre un ricco panorama del percorso storico, vissuto in quella che fu la prima Repubbica partigiana d'Italia la "Repubblica di Montefiorino" che vide la luce dal 18 giugno al 2 agosto 1944.