Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Villa Caula - Montalbano

Contatto Montalbano
Indirizzo 41059 Zocca MO
Internet http://www.bartolotti.it/un-insolita-dimora/


Scheda aggiornata il 12/12/2018 (110008148)


A cura della Redazione locale ZOCCA c/o PROMAPPENNINO
Via Mauro Tesi, 1209 - 41059 Zocca (MO)
Telefono: 059/985584 059/986524 Fax: 059/986510 Email: info@promappennino.it

Cavola o, meglio, Caula. Questo il toponimo dell'insediamento civile forse più atipico di tutto il territorio di Zocca.

Situato lungo la strada che scende dal capoluogo all'antico borgo di Montalbano, il complesso immobiliare è costituito da edifici rustici risalenti al XVI secolo, nonché da una grande villa gentilizia di sapore vagamente toscano, di proporzioni davvero inusitate per l'Appennino, circondata da un alto muro di cinta.

Una struttura "a corte murata" che a nord si affaccia, imponente, su un grande campo circondato da una corona di colline boscose e a Sud domina dall'alto di un possente terrapieno la vallata che declina verso il Panaro.

Gli interni della villa, visitabili su richiesta, comprendono un grande salone della musica con soffitto a cassettoni, sorretto da un sistema di capriate lignee, e numerose sale con volte a padiglione affrescate o decorate a grottesche, una cappella privata tuttora consacrata al culto e una loggia con scalone d’onore in pietra serena e volte e pareti decorate a trompe l'oeil in epoca neoclassica.

L’edificio padronale è il risultato di modificazioni risalenti al XVII e al XVIII secolo (con ulteriori adattamenti della prima metà dell'800) di un preesistente fabbricato fortificato, documentato per la prima volta nel XV secolo, già residenza di un ramo della famiglia Caula, appartenente alla nobiltà di Sassuolo. Successivamente, nel corso del Settecento passò alla famiglia Pianacci, che annovera tra i suoi membri alti prelati e due ufficiali al servizio degli Estensi. Nel 1829, a seguito dell'estinzione dei Pianacci, la proprietà venne trasferita per successione agli attuali proprietari, la famiglia Bartolotti.