Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Montecuccolo - Montecuccolo

Contatto Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo
Indirizzo Montecuccolo 41026 Pavullo nel Frignano MO
Telefono per informazioni 0536-29964/29022
E-mail uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it
Internet www.comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

Accessibilità raggiungibile a piedi, parcheggio auto a 100m dal borgo

Scheda aggiornata il 23/09/2015 (2761)


A cura della Redazione Locale di PAVULLO nel FRIGNANO
presso Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Via Giardini, 3 - 41026 - Pavullo nel Frignano (MO)
Telefono: 053629964 - Fax: 053629025
Email: uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

Ai piedi del castello di Montecuccolo sorge un caratteristico borgo del XIV-XV secolo, costruito secondo una tipologia assai diffusa: intorno alla piazza si affacciano la chiesa e le abitazioni. L’accesso al borgo era possibile solo attraverso due porte: la prima, chiamata Bonvicina e ora abbattuta, si apriva a nord verso le strade che portavano a Pavullo; la seconda, che ancora esiste, si apriva in uno stretto varco tra le case e attraverso un alto arco gotico permetteva l’accesso dalla strada proveniente dalla pieve di Renno e dalla Torre di Gaiato. 
 
La chiesa, fatta costruire dal conte Cesare nel 1469, fu dapprima un semplice oratorio, poi dal 1672 divenne parrocchia indipendente. Nel 1577 la comunità fece innalzare il campanile a vela. Nella lunetta del portale d’ingresso un affresco rappresenta il protettore San Lorenzo e due angeli che porgono al santo martire la palma e la grata incandescente, rispettivamente simbolo e strumento del martirio.
 
Foto di Stefano Torreggiani