Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Pieve di S.Giovanni Battista - Renno

Contatto Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Indirizzo Via Pieve di Renno, 1 41026 Pavullo nel Frignano MO
Telefono 053629964
E-mail uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it
Internet www.comune.pavullo-nel-frignano.mo.it/canali_tematici/luoghi_culto/default.aspx#.VsrqxPnhDIV


Orario festivo SS. Messa ore 11
Scheda aggiornata il 27/04/2016 (2776)


A cura della Redazione Locale di PAVULLO nel FRIGNANO
presso Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Via Giardini, 3 - 41026 - Pavullo nel Frignano (MO)
Telefono: 053629964 - Fax: 053629025
Email: uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

La Pieve di Renno rappresenta una delle testimonianze storiche ed architettoniche più rilevanti e prestigiose del Frignano. La sua posizione geografica, l'importanza del sistema stradale e l'accresciuta consistenza demografica della zona nel corso dei secoli XI e XII furono probabilmente le ragioni che indussero il Vescovo Ribaldo a trasferire l'antica "Plebs de Paule" a Renno; il trasferimento fu sancito ufficialmente nel 1157 dal Vescovo di Modena Enrico Montecuccoli. La Pieve di San Giovanni di Renno divenne così il capoluogo religioso di gran parte del Frignano e negli elenchi del XIII e XV secolo risultano essere alle sue dipendenze non meno di trenta cappelle. La Chiesa di Renno presenta ancora oggi molti problemi in sede di ricostruzione storica ed architettonica, perchè l'edificio, pur avendo attraversato varie fasi di ristrutturazione, evidenzia elementi culturali ed architettonici di diverse correnti.

Foto di Roberto Leoni