Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Chiesa Parrocchiale di San Paolo - Roccapelago

Contatto I.A.T. PRO LOCO
Indirizzo Via Costa, 25 41027 PIEVEPELAGO MO
Telefono 0536/ 71304
Fax 0536/72025
E-mail info@comune.pievepelago.mo.it

Biglietto GRATIS

Aperto 10\18
Orario feriale 10\18
Orario festivo 10\18
Periodo d'apertura ANNUALE
Scheda aggiornata il 21/06/2015 (1045)


A cura della Redazione Locale di PIEVEPELAGO Piazza V. Veneto, 20 41027 PIEVEPELAGO (MO)
Telefono: 0536/71322 Fax: 0536/72025 Email: pievepelago@msw.it

Fu riscostruita nel 1585 sui resti di una parte del castello di Rocca del Pelago, poiché era stata distrutta da un incendio. L'architettura seicentesca è di tipo montanaro. A fianco della chiesa si trova un robusto campanile, in precedenza torre del castello. All'interno sono presenti varie opere d'arte di pregio.

La scoperta delle mummie di Roccapelago è una delle più straordinarie dell’Italia settentrionale. Nel gennaio 2011, durante i restauri della chiesa della Conversione di San Paolo, scoperchiato il soffitto della cripta era apparsa una piramide di corpi accatastati uno sull’altro, una montagna di ossa, pelle, tendini e capelli ancora avvolti in sacchi-sudari, con camice, calze, cuffie e piccoli oggetti d’uso quotidiano. Sull’altro lato della cripta, un circolo di pietre delimitava un'altra area sepolcrale destinata ai bambini, con i piccoli resti adagiati nello spazio interno a quel cerchio che pareva proteggerli come il grembo di una madre.

Dopo il grande successo delle mostre allestite nel 2012 e 2013 a Roccapelago (oltre 13500 visitatori)  verrà allestito in modo definitivo il Museo delle Mummie che sarà inaugurato il 18 ottobre prossimo. Nel frattempo sarà comunque aperta la cripta con la sua originale e suggestiva esposizione di una parte dei corpi rinvenuti negli scavi e per tutta l’estate una serie di eventi terranno desta l’attenzione dei visitatori su una scoperta archeologica che ha consentito di recuperare la storia, le abitudini, la religiosità e i vezzi di una comunità montata tra XVI e XVIII secolo.