Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Museo degli strumenti musicali meccanici - Castello

Contatto IAT Cimone
Indirizzo Corso Umberto I 41029 SESTOLA MO
Telefono 0536/62324
Fax 0536/61621
E-mail infosestola@msw.it

Accessibilità a piedi
Biglietto

� 3.00


Gratuità i bambini fino a 14 anni

Aperto 10.00-12.00/16.00-19.00
Periodo d'apertura Domenica e festivi infrasettimanali 10.00-12.00 e 15.00-18.00 Da novembre a febbraio Domenica e festivi infrasettimanali 10.00-12.00 e 14.00-17.00 Orario estivo Luglio e agosto tutti i giorni 10.00-12.00 e 16.00-19.00
Scheda aggiornata il 01/07/2015 (1897)


A cura della Redazione locale di Sestola c/o IAT del Cimone C.so Umberto I n� 3 - 41029 Sestola (MO)
Tel. 0536/62324 - Fax: 0536/61621 Email: turismo@comune.sestola.mo.it

Il Museo degli strumenti Musicali Meccanici, aperto dal 1993 ed inaugurato nel luglio 1995, espone 120 pezzi, più della metà funzionanti, della collezione Eduard Thoenes.

Sono tutti strumenti musicali meccanici che documentano, dall'inizio del '600 fino ai nostri giorni, l'evoluzione della tecnica musicale applicata alla meccanica. Il Museo, che occupa tutto il piano superiore del Palazzo del Governo all'interno del Castello di Sestola, è suddiviso nelle diverse sale a seconda della famiglia di appartenenza.

Tre infatti sono le grandi famiglie degli strumenti musicali meccanici: 1) gli organetti, 2) le pianole e piani a cilindro e 3) i carillon; a questi tre settori si aggiungono altre quattro sale: la sala degli "automati" (4) (bambole meccaniche e uccelli automatici), quella delle macchine parlanti (5) (fonografi e grammofoni), la sala degli autopiani (6) (pianoforti a rullo che suonano da soli) e la sala della registrazione e riproduzione elettrica (7) (registratori, riproduttori, dal vinile al CD e dalla bobina alla musicassetta). Caratteristica importante del Museo è che molti strumenti sono perfettamente funzionanti e quindi in grado di essere ascoltati durante le visite guidate. L'itinerario di visita permette dunque una conoscenza diretta e completa di questi suggestivi strumenti che dimostrano l'ingegno dell'uomo nella costruzione di macchine destinate a suonare da sole sostituendo l'esecutore. Val la pena infatti ricordare che gli strumenti musicali meccanici sono strumenti musicali a tutti gli effetti (organi, cetre, pianoforti, etc.) ma con la caratteristica di suonare senza l'intervento diretto dell'uomo cioè di leggere e riprodurre una musica "scritta" o "registrata" su un supporto meccanico che può essere il classico cilindro punzonato, un nastro di cartone perforato o un disco di metallo perforato. Di questi supporti o "registrazioni" sono in esposizione svariati tipi e modelli adatti ai diversi strumenti.