Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Mocogno

Contatto Ufficio turismo del Lama Mocogno
Indirizzo Via XXIV Maggio, 31 41023 Lama Mocogno MO
Telefono 0536 344390
Fax 0536 343570
E-mail turismo@comune.lamamocogno.mo.it
Internet www.comune.lamamocogno.mo.it


Scheda aggiornata il 06/07/2017 (55041)


A cura della Redazione Locale Lama Mocogno Via XXIV Maggio 4 - 41023 Lama Mocogno
Tel. 0536 344390, 0536 343568 - Fax 0536 343570 Email: turismo@comune.lamamocogno.mo.it

Mocogno è  una frazione del comune di Lama Mocogno a 3 km dal capoluogo a mt. 776 s.l.m.

L'origine del paese è molto antica, risale  probabilmente all’epoca romana, quando un insediamento preesistente iniziò a svilupparso e fu munito di un castello per la difesa.

Il paese con le grandi borgate di Borra Silano e di Cavergiumine, aveva terreni poco adatti all'agricoltura, quindi gli abitanti erano  per la maggio parte pastori e allevatori di bestiame. Nel 1800 circa, Mocogno dipendeva ancora dal Comune di Pavullo, dal quale nel 1841 venne venduto al duca Francesco IV, che preoccupato del processo di distruzione dei boschi emanò leggi per ridurre i pascoli, suscitando il malcontento della popolazione ed anche gravi momenti di crisi.

Mocogno in questo periodo, erà già sede comunale e parrocchia. Ma grazie ai molti vantaggi portati dalla costruzione della Via Vandelli prima e della Giardini poi, Lama diventò sempre più forte.

Verso la fine dell'800 iniziarono i lavori di costruzione della nuova Chiesa.

In pochi anni Mocogno venne ridotta a semplice frazione di Lama, che in onore del suo felice passato assunse il nome di Lama Mocogno e nello stemma ancora oggi  conserva l’immagine dell'antico castello.