Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Sassomorello



Scheda aggiornata il 09/07/2015 (40767)


A cura della Redazione locale Unione di Comuni Valli Dolo Dragone e Secchia
Via Rocca, 1 - 41045 Montefiorino (MO)
Telefono: 0536/962727 Fax: 0536/965312 Email: infoturismo@unionecomuniovest.mo.it

550 s.l.m

La prima citazione della località risale al 1197, quando gli uomini di Saso Merelli, facenti parte del Comitato di Gombola, giurarono fedeltà al Comune di Modena. La posizione del borgo, disteso sulla balconata ofiolitica a strapiombo, poteva aver spinto i signori del luogo ad edificare una struttura fortificata. Del resto Sassomorello controlla una delle strade che dal fondovalle del Rossenna porta verso Prignano s/S e Monfestino, in passato importanti punti di attraversamento dei primi contrafforti appenninici lungo le vie di collegamento tra Modena ed il Frignano. Nel secolo XV si stacca dalla contea di Gombola ed entra a far parte della Podesteria di Monfestino. Da vedere, la chiesa si San Bartolomeo inaugurata nel 1859, al cui interno è visibile il Martirio di San Bartolomeo, tela settecentesca che riproduce un famoso dipinto di Jusepe de Ribera. In prossimità dell'edificio sacro svetta l'antica torre campanaria, ristrutturata nel 1950. Sulla strada che porta a Gombola è possibile ammirare l'imponenza della rupe ofiolitica sulla quale poggiano le fondamenta del paese e le antiche compagini murarie della Pieve poste a strapiombo sulla roccia.