Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

San Pellegrino in Alpe

Scheda aggiornata il 25/06/2015 (40746)


A cura della Redazione locale Unione di Comuni Valli Dolo Dragone e Secchia
Via Rocca, 1 - 41045 Montefiorino (MO)
Telefono: 0536/962727 Fax: 0536/965312 Email: infoturismo@unionecomuniovest.mo.it

http://www.sanpellegrino.org   

S.Pellegrino in Alpe sorge sul valico della strada che da Modena porta a Lucca e nasce sulle spoglie di S.Pellegrino. La leggenda narra che il giovane S.Pellegrino Re di Scozia rinunciò alla corona, abbandonò la patria e iniziò un lungo pellegrinaggio attraverso l'Europa, raggiungendo la selva dell'alpe, dove con Bianco, un eremita, offriva ospitalità ai pellegrini che percorrevano le antiche vie Bibulca e Vandelli. Fu eretto in loro onore un santuario, dove riposano le spoglie di San Pellegrino e San Bianco, davanti allo stupendo scenario delle Alpi Apuane. La costruzione in stile romanico risale al VIII secolo d.c. anche se le prime fonti certe sono dell'anno 1000 d.c. Oggi come un tempo San Pellegrino è meta di pellegrinaggi e devozione internazionale e punto di arrivo di numerosi sentieri per trekking e mountain bike tra cui l'antica Via Bibulca e il Sentiero Matilde. A San Pellegrino sostarono nomi illustri come Federico II, Michelangelo Buonarroti, Matilde di Canossa, Il poeta inglese P.B. Shelley, che ne trasse l'ispirazione per la "Maga d'Atlante", Ugo Foscolo, G.Pascoli, U.Monti, la Principessa Enrica di Borbone e tanti altri. Nel borgo di San pellegrino si può anche visitare il museo dell'arte contadina "Don Luigi Pellegrini" formato da oltre 4000 oggetti.