Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Sassatella



Chiusura settimanale http://www.frassinoro.net/sassatella.html
Scheda aggiornata il 19/06/2015 (40745)


A cura della Redazione locale Unione di Comuni Valli Dolo Dragone e Secchia
Via Rocca, 1 - 41045 Montefiorino (MO)
Telefono: 0536/962727 Fax: 0536/965312 Email: infoturismo@unionecomuniovest.mo.it

Nella graziosa frazione di Sassatella, che conserva alcuni edifici con portali del sei-settecento, è oggi possibile visitare la Chiesa di San Michele Arcangelo, costruita verso la fine del 500 e riedificata nel 1920. L'edificio è caratterizzato da elementi decorativi, d'epoca antica, in particolare due architravi che portano impresse rispettivamente il simbolo estense del diamante e la sagoma di un castello in bassorilievo. Testimoniano il passaggio in questa località di popolazioni antiche, già dalla seconda metà del primo secolo dopo Cristo, alcuni reperti rivenuti: due lucerne fittili romane che furono consegnate nella seconda metà del secolo scorso al Museo Civico Archeologico di Modena e due monete di bronzo romane d'epoca imperiale. Nel Medioevo si ritrova il nome di Sassatella fra le "ville", così in genere erano denominate piccole borgate di poche case appartenenti alle Terre della Badia. E' citato in documenti risalenti al Seicento, il curioso fenomeno dei fuochi perenni localizzato a Sassatella, che in passato alimentò la fantasia degli abitanti di queste terre e dei viaggiatori di passaggio.In realtà, le spettacolari fiamme che lambivano la terra erano emanazioni di gas metano che scaturivano tra i sassi. Ora l'emissione metanifera insieme a quella gemella di Boccassuolo, è stata guidata nel condotto che porta al gasometro di Barigazzo, sede di fenomeni analoghi.