Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Romanoro

Scheda aggiornata il 02/07/2015 (40744)


A cura della Redazione locale Unione di Comuni Valli Dolo Dragone e Secchia
Via Rocca, 1 - 41045 Montefiorino (MO)
Telefono: 0536/962727 Fax: 0536/965312 Email: infoturismo@unionecomuniovest.mo.it

La borgata è stata recentemente ristrutturata, ma si possono ancora notare molte elementi decorativi interessanti. Anche la chiesa è una ricostruzione del 1920: del precedente edificio restano il portale settecentesco ed il campanile. Situato in posizione panoramica, Romanoro si può visitare percorrendo sentieri storici e naturalistici, a piedi oppure in mountain bike. Dal ponte di Cadignano, tipico ponte a schiena d'asino, ha inizio il Sentiero Matilde che porta a San Pellegrino in Alpe. Qui come in altre parti del territorio della Comunità Montana Appennino Modena Ovest, si raccoglie il pregiato tartufo. E' raccontato ancora oggi dagli anziani del paese, quasi fosse una leggenda, di quando nei campi, le zolle smosse dalle loro zappe portavano alla luce un'infinità di questi preziosi funghi sotterranei dal caratteristico profumo. Per tutelare questo gustoso prodotto del sottosuolo è nato nell'Agosto del 1989 il "Consorzio di Romanoro". Da vedere l'oratorio di Santa Scolastica, l'oratorio dei Santi Pellegrino e le edicole votive situate nelle borgate di Chiesa e Cerreto risalenti al settecento. La tradizione popolare di Romanoro è il maggio Epico, antica forma di teatro popolare. E' dal 1905, che questa forma di teatro vive a Romanoro ispirando ancora oggi giovani artisti che si esibiscono durante l'estate.