Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Olina

Contatto Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Indirizzo 41026 Pavullo nel Frignano MO
Telefono 053629964
E-mail uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it
Internet www.comune.pavullo-nel-frignano.mo.it/canali_tematici/frazioni/olina.aspx#.VsroffnhDIU

Accessibilità Da Modena: via Estense, arrivati a Pavullo proseguire per via Marchiani, arrivati alla rotonda prendere l'uscita in direzione Abetone-Lama Mocogno. Passato Querciagrossa, proseguire per il bivio sulla sinistra in direzione Olina.
Da Lama Mocogno: passato il bivio per Vaglio proseguire sulla S.S. n.12 al successivo incrocio girare a destra in direzione Olina.

Scheda aggiornata il 28/04/2016 (3274)


A cura della Redazione Locale di PAVULLO nel FRIGNANO
presso Ufficio Informazione Turistica del Comune di Pavullo nel Frignano
Via Giardini, 3 - 41026 - Pavullo nel Frignano (MO)
Telefono: 053629964 - Fax: 053629025
Email: uit@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it

Famosa per la coltivazione della vite e per il pregiato vino che se ne ricavava, Olina insorse più volte contro i Montecuccoli e i duchi d'Este per le aspre condizioni che il dominio feudale imponeva. La sua storia è strettamente legata al fiume Scoltenna. La sua valle infatti si era progressivamente affermata come fiorente punto di incontro di traffici e di mercati rurali, lo dimostra anche la sua ricchezza di torri. L'antico e famoso ponte di Olina, ad un arco soltanto, costituisce il vero simbolo della frazione e fu costruito nel 1522 sulle rovine di uno già preesistente. Da visitare la chiesa di S.Pietro e Paolo che risale al 600 e le località di Ca' d'Olina e Baccaluva con i loro antichi borghi.

Foto di Stefano Torreggiani