Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Rosola

Contatto Promappennino
Indirizzo Via Mauro Tesi 1209 41059 Zocca MO
Telefono 059.985584 - 986524
Fax 059.986510
E-mail info@promappennino.it
Internet www.promappennino.it

Accessibilità in auto, a piedi attraverso sentieri

Scheda aggiornata il 29/06/2015 (2949)


A cura della Redazione locale ZOCCA c/o PROMAPPENNINO
Via Mauro Tesi, 1209 - 41059 Zocca (MO)
Telefono: 059/985584 059/986524 Fax: 059/986510 Email: info@promappennino.it

Questo castello, detto anticamente della Rosa, dopo essere stato a lungo conteso dai Comuni di Modena e Bologna, si assoggettò nella seconda metà del XIV sec. agli Estensi e nel 1398 risultava fra i castelli posseduti da Lancilloto ed Ettore Montecuccoli. Il bellissimo borgo conserva intatte le sue caratteristiche architettoniche originarie. Al centro di esso è il duecentesco torrione del castello, recentemente restaurato, che rappresenta uno dei più antichi e pregiati esempi di edilizia fortificata. Di grande interesse è anche il vicino insediamento castellano di Montequestiolo. Il castello fu tra quelli distrutti dalla spedizione dei Bolognesi del 1271; nel 1450 fu uno dei Comuni che in Montetortore giurarono fedeltà a Borso d'Este; nel XVII sec.risulta di proprietà dei fratelli Rangoni. Grazie ad un recente recupero si possono attualmente apprezzare la torre, i resti delle mura castellane e parte del vecchio borgo, il tutto inserito in una vasta area adibita a parco pubblico. Sempre nel territorio di Rosola è anche il Santuario della Verrucchia, edificio seicentesco di aggraziatissime proporzioni e di rara suggestione; in esso ancora i credenti ricordano l'apparizione della Madonna avvenuta nell' XVII sec., alla quale la devozione mariana attribuisce numerose grazie, testimoniate da molti ex voto anche di notevole pregio artistico.