Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Selva

Contatto Comune di Serramazzoni
Indirizzo Piazza Tasso,7 41028 Serramazzoni MO
Telefono 0536/952199
Fax 0536/954665
E-mail turismosport@comune.serramzzoni.mo.it
Internet www.comune.serramazzoni.it


Scheda aggiornata il 11/06/2015 (130000489)


A cura della Redazione Locale di SERRAMAZZONI
Piazza T.Tasso n. 7 - 41028 Serramazzoni (MO)
Tel. 0536 952202 oppure 0536 952199 int 230 - Fax 0536/954665
Email: turismosport@comune.serramazzoni.mo.it

frazione di Serramazzoni

Percorrendo la Via Giardini che porta a Pavullo, a quattro chilometri dal Capoluogo si devia a destra e lungo una pianeggiante strada si giunge a Selva.
Nei documenti del Sec. XII Selva viene indicata come Silva de Ula o de Virola. Il territorio, ricoperto completamente da boschi, fu donato nel 1131 dal Vescovo di Modena Dodone ai frati del monastero di S. Pietro di Modena, affinchè lì costruissero un monastero. I religiosi costruirono una chiesa di cui non rimane traccia in quanto demolita nel Sec. XIX ed un edificio detto, ancor oggi, canonica vecchia. Non si conoscano le motivazioni che indussero i frati a lasciare il luogo. L’attuale chiesa, dedicata alla natività di Maria SS., fu portata a termine dall’Ing Antonio Vandelli nel Novembre del 1870. Salendo per la stradina che congiunge le nuove villette, poi lungo i prati si giunge all’Amareto, dove un tempo esisteva una importante abitazione i cui signori Amoretti - Parenti ospitavano il Duca Francesco V quando da Modena, durante i mesi estivi, andava a villeggiare a Pavullo. Proseguendo poi lungo il crinale si giunge all’oratorio detto Madonna di Zanoli. La chiesetta che è stata costruita nel 1673 e restaurata nell’anno 2000, si trova in un luogo particolarmente panoramico.