Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Montagnana

Contatto comune di Serramazzoni
Indirizzo Piazza Tasso,7 41028 Serramazzoni MO
Telefono 0536/952199
Fax 0536/954665
E-mail turismosport@comune.serramazzoni.mo
Internet www-comune.serramazzoni.mo.it


Scheda aggiornata il 11/06/2015 (130000483)


A cura della Redazione Locale di SERRAMAZZONI
Piazza T.Tasso n. 7 - 41028 Serramazzoni (MO)
Tel. 0536 952202 oppure 0536 952199 int 230 - Fax 0536/954665
Email: turismosport@comune.serramazzoni.mo.it

frazione di Serramazzoni

La frazione di Montagnana è posta sulla Via Giardini a dieci chilometri dal Capoluogo e a sette da Maranello. La chiesa, dedicata all’apostolo S. Andrea fu costruita nel 1883 dall’ Ing. Antonio Randelli. Al suo interno sino al 2001, vi era la campana più antica della Provincia di Modena (è stata ceduta per il tempo limitato alla durata della mostra degli arredi sacri che si tiene presso l’Abbazia di Nonantola). In essa è scritto: “anno del Signore 1262”. E’ probabile che la chiesa di Rocca S. Maria, che ha più antica storia ed era la chiesa plebana della zona, avesse donato la campana alla chiesa “figlia” di Montagnana.
Poco distante, percorrendo la via Giardini in direzione della pianura, è possibile visitare la Chiesetta della Resistenza la quale fu costruita nel 1965 per ricordare il contributo degli abitanti della montagna modenese alla lotta partigiana sostenuta negli anni 1943-45.
Montagnana, dagli anni che videro il completamento della Via Giardini (1777-80), per la sua collocazione al termine della terribile salita del Taglio ebbe sempre nella trattoria la Noce un punto di riferimento e quindi di ristoro per coloro che transitavano su carrozze trainate da cavalli, per i birocciai, che dopo avere trasportato carbone e legna in città, ritornavano alla montagna carichi di sale e tabacchi, e dai primi anni del ‘900, per i conducenti degli omnibus provenienti da Maranello, che lì si fermavano per aggiungere acqua alle auto a vapore.