Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy cliccando qui.
Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
www.emiliaromagnaturismo.it Emilia-Romagna Turismo

Montese

Contatto Biblioteca di Montese
Indirizzo Via Panoramica 25 41055 Montese MO
Telefono 059/971122
Fax 059/971100
E-mail biblioteca@comune.montese.mo.it
Internet www.appenninomodenese.net

Accessibilità

Da Modena: seguire le indicazioni per Vignola, Marano, ponte Docciola, Montese.

Da Bologna: immettersi sulla via Porrettana fino a Vergato, poi Castel d'Aiano ed infine Montese oppure percorrere Asse attrezzato, uscire a Crespellano, proseguire per Bazzano, Savignano sul Panaro, Vignola, Marano, Ponte Docciola, Montese.

Linea ferroviaria: Bologna-Porretta Terme.

Autostrade: A1, Bologna-Modena, uscita Modena sud.

 

 



Scheda aggiornata il 17/05/2015 (-6714)


A cura della Redazione locale di MONTESE (MO)Via Panoramica 25 41055 Montese MO
Tel. 059/971122 - Fax: 059/971100 - Email: biblioteca@comune.montese.mo.it

Montese, 841 mt s.l.m, si estende per più di 80 kmq, dai fiumi Panaro e Leo fino al crinale montuoso che divide le province di Modena e di Bologna. Si è sviluppato ai piedi della Rocca trecentesca con le sue cinta murarie, il portale a sesto acuto, la doppia cinta muraria, la torre merlata che domina il paesaggio.

Il primo riferimento documentario all'insediamento risale  al 1178, quando Trupaldus filius quondam Littonis de Montese donò al monastero di S. Pietro di Modena beni mobili ed immobili entro e fuori il castello di Montese. Il 28 agosto 1197 gli abitanti di Montese prestarono giuramento di fedeltà al comune di Modena. Nel 1212 Ottone IV investì la famiglia Montecuccoli del feudo di Montese, mentre nel XVII sec. il duca di Modena lo prese alle sue dirette dipendenze. Durante l'800, il paese divenne luogo di villeggiatura. Oggi, il nostro territorio, ancora immerso nel verde, è percorso da una rete sentieristica che riscopre le antiche vie di comunicazione ed è caratterizzato dalle produzioni di Parmigiano Reggiano di montagna, della Patata di Montese e delle castagne. Per chi si volesse dedicarsi allo sport, abbiamo piscina scoperta, campi da tennis e bocce, treppi della ruzzola, palestra.